Libri (non) scontati: una legge stupida

Dal 1 settembre è in vigore la Legge 27 luglio 2011, n. 128 "Nuova disciplina del prezzo dei libri" (G.U. n. 181 del 5 agosto 2011) la quale fissa uno sconto massimo del 15% sul prezzo di copertina dei libri, tranne alcune eccezioni (come quella dei libri usati o fuori catalogo). Una legge con tanti buchi, fatta da un legislatore ormai staccato dalla realtà.

La finalità della legge è

contribuire allo sviluppo del settore librario, al sostegno della creatività letteraria, alla promozione del libro e della lettura, alla diffusione della cultura, alla tutela del pluralismo dell'informazione

ma in realtà è una legge dannosa, che non favorisce la diffusione dei libri (da quando aumentare il prezzo e ridurre la concorrenza nella distribuzione favorisce l'accesso del pubblico a un bene?), ma soprattutto facilmente aggirabile.

Nortel, Google and the value of patents

This morning I have read this article on Tech Crunch mentioning that – great news – one of the senior executives of Google has finally said it loud what we have thought for years: [most] software patents are detrimental to innovation. Only, he falls short of the point, because he asks for a "real patent reform," whereas the only suitable reform is a software patent abolition (if not an entire patent system abolition, but that is another discussion). All software patents are detrimental to innovation. Period.

But software patents are also detrimental to competition. Especially if they are used in an anticompetitive way. The Microsoft case, once again, gives us good food for thought and leads me to think that there is more than one antitrust concern over the sale of Nortel patents. May I attempt a few short answers to reasonable questions that are lingering around when I mention the antitrust issue. I plead guilty of omitting much of the necessary background.

PCT, PDA, PEC

Da qualche anno sto seguendo dietro le quinte l'evoluzione dei servizi informatici per il processo civile. Non ho tempo né voglia di fare un intervento di quelli esaustivi, completi e accattivanti. Altri ne hanno scritti, una risorsa eccellente per cominciare è il sito del Ministero. Le informazioni sono in divenire molto rapido, per cui quello che è stato scritto sei mesi fa oggi èmolto probabilmente inaccurato in più di un punto.

Ciò che vorrei fare è dare qualche notizia basata sull'esperienza sul campo di problemi, inaccuratezze, omissioni e FUD, in modo puntuale. Quello che alcuni chiamerebbero "pillole".

Cominciamo dall'ultimo caso che mi è capitato: la PEC (Posta Elettronica Certificata). Qualsiasi PEC va bene, se vi dicono di prenderne un'altra, vi stanno imbrogliando.

Samba case hearing: How Microsoft’s gamble backfired

Karsten Gerloff, President of the Free Software Foundation Europe, publishes a blog post on the hearing in the Microsoft v Commission case (T-167/08) dealing with the 899 million euro fine for failing to offer reasonable and non discriminatory condition for revealing secret interoperability information, AKA the "no patent" agreement that the Protocol Freedom Information Foundation has subsequently negotiated to provide same information to Samba Team and others. The article is offered under the condition "Creative Commons Attribution" (CC-BY)

New offices, new people

A  blog is not a blog if I don't report things that don't interest my readers but concern me. So let me deviate a bit from my usual cointenance and announce a new step in my carreer. As if you bother. In short, I have moved offices and I am now working with new people in the gorgeous and historic Palazzo Serbelloni. There I will team up with more people in Array, namely cybercrime expert Barbara Indovina, as well as Menichino & Associati and top-notch white collar criminal lawyer Giuseppe Pezzotta

Pagine