Red Hat, patents, software

I am here speaking software patents. I was replying to a thread on G+, and wrote a very long reply, that indeed is a post. It's on Red Hat patent promise, which has some unfortunate language that can be interpreted as "in general software patents impede innovation", meaning that in some cases they don't. I think that my reply can be of more general interest and make an excerpt here, with a few minor edits.

The post

I hate to defend rich companies and not getting paid for it (not that it would be the first time ;-), but in this case I will make an exception, also because the people who conceived the strategy of registering software patents for defensive purposes are good friends and trustworthy Free Software friends. Red Hat is a company full of cash, which is eating chunks of market away from even richer companies. It makes software, Free Software, it contributes heavily to Linux, it has no proprietary exploitation of the software it makes.

Gli aspetti giuridici del Software Libero (open source)

È passato meno di un anno dall'uscita del libro "The International Free and Open Source Software Law Book" nel quale con l'amico e collega Simone Aliprandi avevo firmato il capitolo relativo al contesto italiano. Ora da quel capitolo (scritto in inglese) abbiamo tratto anche un articolo che, oltre ad essere in italiano e quindi risultare più facilmente fruibile dall'audience locale, ha un maggior livello di approfondimento delle questioni dottrinali dal punto di vista della scienza giuridica italiana.

L'articolo si intitola Il Free and Open Source software nell’ordinamento italiano: principali problematiche giuridiche, è uscito sul n. 1/2012 della rivista "Informatica e diritto" ed è rilasciato con licenza CC by-sa.

Microsoft v. Commission, last take-away points

This is it, it's over. The last remaining pending issue spawning from the 2004 Decision (the so called "Monti decision"), by which the European Union slapped Microsoft with an unprecedented antitrust remedy, has ended, barring an unpredictable appeal. A decision imposing 899 million euro fine, for non compliance with the obligation to provide complete and accurate interoperability information under Reasonable And Non Discriminatory conditions, was by and large upheld by the General Court in case T-167/08, where I represented the FSFE and the Samba Team, intervening in support of the Commission.

I have now read the decision in its all 26 printed pages. Among many details concerning procedural fine points that would bore to death most of the readers, I have found some points that are worth pointing out, since they confirmed my/our positions that we put forward since 2005. That's when the whole "implementation" phase started, after the President of the Court of First Instance (that was the General Court called back then) refused to suspend the 2004 Decision pending judgement on the merits.

Cookies nel Codice Privacy, prima lettura (confusa)

L'Italia ha adempiuto agli obblighi comunitari in tema di comunicazioni elettroniche e privacy, tra l'altro adottando le previsioni della cosiddetta "Direttiva Cookie", in realtà una direttiva di molto più ampio respiro, che contiene al suo interno alcune modifiche alla Direttiva 2002/58/EC sulla protezione dei dati personali nelle comunicazioni elettroniche. Abbiamo dunque un nuovo articolo 122 del Dlgs 196/2003, noto come Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali.

Il tutto con un bel decreto legislativo adottato sulla scorta della Legge comunitaria 2010, e senza uno straccio di periodo transitorio, senza ovviamente una adeguata consultazione con le parti coinvolte o qualsivoglia tipo di consultazione.

Vediamo dunque cosa dice il nuovo articolo 122.

Two bees make an eagle. Le API non sono soggette a copyright anche negli USA

Ci sono api e ci sono API. In gergo computeristico API significa "Application Programming Interfaces", parti del codice di un programma che espongono funzioni e chiamate verso altri programmi, in modo che essi possano interoperare. Per esempio, una piattaforma (ad esempio Gnome o Windows) può esporre una funzione per richiamare un dialogo di stampa, in modo che un'applicazione che funzioni su di essa debba solo invocarla con il metodo pubblicato affinche un'interazione occorra e l'applicazione possa stampare. Le parti interne di un'API possono essere riscritte anche molte volte senza che la parte verso l'esterno cambi, in modo che le applicazioni scritte per esse rimangano funzionanti. Anzi questa è di fatto la regola.

Un Giudice Federale (Mr. Aslup) del Distretto della California del Nord ha deciso che il codice sorgente che dichiara il metodo per invocare la stessa funzione contenuta nell'API (che quindi ne rappresenta la parte esterna) non è soggetta a copyright. Ciò segue una quasi identica  Sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea nel caso SAS [Caso C‑406/10 SAS Institute v. World Programming Language].

 

Two bees make an eagle. US Judge says API not copyrightable

In Italian "api" means "bees" (plural). API in computer science means "Application Programming Interfaces", which are bits of code in a computer program that expose functions and calls to other computer programs so that they can interact. For instance, a platform (say, Gnome or MS Windows) can expose a function to call upon a printing dialog, and all application running on it only needs to invoke that function and an interaction can happen, so the application can print. The internals of the same API can be reimplemented many times without changing the outward facing interfaces, so that the applications written against them remain workable ‒ actually this happens on a regular basis.

A Federal Judge for the Northern District of California has ruled that the source code that declare a method to invoke the same function as in the API (thus representing the outward facing part) is not subject to copyright. This follows a quasi identical ruling of the European Court of Justice in the SAS case [Case C‑406/10].

Pagine